Associazione amici di Maghen David Adom

Amici MDA Italia

Categoria: News

Al villaggio beduino di Bir Hadaj si inaugura una stazione del Magen David Adom

16 beduini provenienti dalla Diaspora beduina nel Negev hanno completato un corso di primo soccorso di 200 ore del Magen David Adom: un segno di grande cooperazione per migliorare il servizio medico di emergenza nelle comunità beduine del Negev.
Durante la cerimonia, gli studenti hanno ricevuto i diplomi, le uniformi del MDA, i kit salvavita di primo soccorso e i cercapersona e si sono uniti ai 130 primi soccorritori e alle decine di volontari tra i beduini del Negev che già fanno parte del MDA. Nella nuova stazione sono state collocate delle ambulanze del MDA, grazie al sostegno internazionale di sostenitori cristiani ed ebrei con l’obiettivo di  offrire una risposta veloce e professionale alle emergenze in quest’area.

119 nuovi Primi Soccorritori nelle unità salvavita del Magen David Adom

Il progetto “Primi Soccorritori” del Magen David Adom riscuote un grande successo e ogni settimana sempre più medici, infermieri e paramedici aderiscono al progetto: nelle sole ultime due settimane hanno aderito 119 nuovi Primi Soccorritori. Ad Eilat, 15 residenti hanno completato con successo il corso di formazione per autisti soccorritori e sono pronti a rispondere alle chiamate di emergenza nella loro città. A Tel Aviv, sono 50 i nuovi diplomati che sono stati inseriti nelle squadre di volontari del MDA. A Kafr Jat, 23 tra dottori, infermieri e paramedici hanno aderito al progetto e rinforzeranno le forze del MDA in quell’area. Infine a Baqa al-Gharbiyye 31 medici si sono uniti ai volontari della città. Congratulazioni ai nuovi arrivati!

Cosa fare in caso di terremoto : Il MDA aumenta la formazione

L’Autorità nazionale per l’Emergenza ha dichiarato il 2017 l’anno della formazione ai terremoti.
Israele, i territori amministrati e i paesi confinanti sorgono su un territorio ad alto rischio sismico, essere preparati a qualsiasi evento è uno degli obiettivi strategici di MDA.
Questa settimana, varie unità del Magen David Adom insieme a quelle dell’IDF, della Polizia, dei Vigili del Fuoco, delle municipalità e dei corpi di emergenza parteciperanno a varie esercitazioni nel paese. Simulazioni volte a migliorare la preparazione ai terremoti e a rinforzare le procedure operative, prima fra tutte la cooperazione tra MDA, IDF, Polizia e le altre forze per la sicurezza e l’emergenza in Israele. Il 13 giugno 2017 è stata organizzata un’esercitazione alla Knesset a Gerusalemme, durante la quale gli operatori del MDA, insieme al corpo di sicurezza e alle unità mediche della Knesset, hanno simulato le procedure per soccorrere le vittime rimaste intrappolate sotto le macerie, per evacuare i feriti dai piani alti di un edificio, cosi’ come l’evacuazione dei feriti in elicottero. Durante l’esercitazione, il Direttore del MDA, Eli Bin ha descritto al Presidente e ai membri del Parlamento Israeliano le tecnologie utilizzate durante l’esercitazione, l’intervento dell’elicottero e il collegamento con la centrale operativa.

L’Università Bar Ilan conferisce la laurea ad honorem al Maghen David Adom.

Il Direttore Generale del MDA, Eli Bin: “Si tratta di un segno di fiducia, rispetto ed apprezzamento”.

Il Maghen David Adom ha ricevuto, il 16 maggio 2017, la laurea ad honorem dall’Università di Bar Ilan per il suo contributo alla società israeliana. Il Presidente dell’Università, Rabbi Daniel Hershkowitz ha spiegato che si tratta di un segno di apprezzamento e gratitudine per gli interventi di soccorso compiuti nel corso di molti anni. Guidati dal valore di salvare vite, Il MDA incoraggia migliaia di volontari e impiegati ad impegnarsi per la società, promuovendo la consapevolezza della responsabilità civica e del volontariato.

Prevenzione contro l’annegamento e primo soccorso sulle spiagge

In Israele è iniziata la stagione calda e già nella prima settimana si sono verificati 80 casi di annegamento in varie spiagge del paese. Le squadre del Maghen David Adom rispondono a dozzine di chiamate di emergenza ed eseguono molte rianimazioni, a volte anche a più nuotatori allo stesso tempo.
Il Dipartimento di informazione del MDA ha lanciato una campagna di sensibilizzazione contro il pericolo di nuotare in assenza di un bagnino o sotto l’effetto di alcool e infine quello di lasciare i bambini vicino all’acqua senza essere accuditi. Un video è stato appositamente creato, le istruzioni sulla sicurezza postate sia su Facebook sia su Instagram, affissi manifesti e i volontari sulle spiagge danno le linee guida per essere preparati ad affrontare un incidente per annegamento.

Corsi di arabo per i volontari del MDA a Gerusalemme

Gerusalemme è conosciuta per essere una città complicata, composita. Nella zona Est la maggioranza non parla fluentemente l’ebraico e nella zona Ovest  la maggioranza non parla fluentemente l’arabo. Questa realtà crea difficoltà di base per il personale del Maghen David Adom dell’area di Gerusalemme che deve confrontarsi quotidianamente con problemi di lingua mentre interviene per salvare vite nelle emergenze.

Leggi tutto

Operazione: “Salviamo Zohar Katz”

Nel corso della scorsa settimana il Maghen David Adom, con la collaborazione del Ministero degli Esteri Israeliano, ha trasportato 100 sacche e il plasma congelati, in Perù, per salvare la vita di Zohar Katz, una turista israeliana di 22 anni, ricoverata a Lima, in gravi condizioni a causa di un’infezione batterica.
Non appena l’ospedale in Perù ha dato semaforo verde per l’operazione, il paramedico del Maghen David Adom Yonat Daskal ha portato 100 sacche e il plasma e ha raggiunto il Dott. Asher Moser, esperto ematologo del Maghen David Adom, già sul posto da ieri. Leggi tutto

I seminari internazionali sull’ Emergenza: la nostra passione!

Foto seminario internazionale emergenza Dicembre 2016

(articolo liberamente tratto da un’intervista di Sara Castelnuovo pubblicata sulla pagina Facebook Progetto Dreyfus)

Si è appena concluso in Israele il 6º Seminario Internazionale del Maghen David Adom sull’Emergenza medica e la risposta alle catastrofi, che ospita partecipanti provenienti da tutto il mondo.

Tra i 16 partecipanti, anche 8 italiani, tra cui Luciana, che ha 47 anni ed ha lavorato per 20 anni come anestesista/rianimatore in Cardiochirurgia ed in un Trauma Center a Torino. Da febbraio lavora in una struttura di Maxiemergenza (unica pubblica in Italia) dotata di un EMT di tipo 2 (emergency medical team with Surgery) in fase di accreditamento presso l’Unione Europea ed il World Health Organization. Leggi tutto

Accordo sanitario fra Italia, Israele ed Etiopia

Lo scorso 11 gennaio, è stato firmato un accordo trilaterale tra Israele, Italia ed Etiopia per promuovere la cooperazione nel campo sanitario; in particolare, l’accordo prevede una stretta collaborazione nell’utilizzo delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) nel suddetto settore, così come nell’aggiornamento e nel training del personale specializzato.

Gli enti coinvolti in questa iniziativa sono il MASHAV​, il Ministero della Salute etiope e il Ministero degli Affari Esteri italiano. L’accordo è stato firmato ad Addis Abeba dall’Ambasciatore israeliano in Etiopia, S.E. Belaynesh Zevadia, a nome del MASHAV, dal Ministro della Salute etiope, Prof. Yifru Berhan, e dall’Ambasciatore italiano in Etiopia, S.E. Giuseppe Mistretta, a nome del Ministero degli Affari Esteri italiano.

Da sinistra a destra: Ambasciatore Belaynesh Zevadia, Ministro Yifru Berhan, Ambasciatore Giuseppe Mistretta – Copyright: MASHAV