Associazione amici di Maghen David Adom

Amici MDA Italia

Missione e statuto

LA NOSTRA MISSIONE 

La nostra Associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale in coordinamento e a supporto dell’organizzazione umanitaria “Maghen David Adom in Israele” facente parte della International Comitee of the Red Cross (ICRC)”) svolgendo le seguenti attività:

– raccolta di fondi, donazioni e risorse al solo scopo di sostenere l’impegno dell’organizzazione umanitaria “Maghen David Adom in Israele” nella sua attività di assistenza sociale, sanitaria e socio-sanitaria a tutta la popolazione civile sul territorio o sotto giurisdizione d’Israele, in particolare quella più svantaggiata;

– coordinare con l’organizzazione umanitaria “Maghen David Adom in Israele” attività e progetti in Italia;

– tenere e organizzare in cooperazione con l’organizzazione umanitaria “Maghen David Adom in Israele” e l’organizzazione internazionale “International Friends of Mda Committee” attività, iniziative, convegni, conferenze, meeting e corsi in materia di assistenza sanitaria in generale, pronto soccorso e salvataggio;

– svolgere e coordinare attività con le organizzazioni umanitarie internazionali “Croce rossa” e “Mezzaluna Rossa” al fine della assistenza sanitaria delle popolazioni civili in particolare quelle più in difficoltà ;

– sviluppare programmi igienico-sanitari orientati a promuovere la salute dell’uomo, della donna, del bambino e dell’adolescente.

– promuovere la coscienza dell’assistenza al prossimo, soprattutto se svantaggiato, come
nozione imprescindibile di una coesistenza civile.

IL NOSTRO STATUTO

Attività

Per perseguire le finalità enunciate nell’articolo precedente, l’associazione svolge le attività nei seguenti settori elencati nella norma di cui all’art. 10 del D.Lgs. 4 dicembre 1997, n° 460 e precisamente:

  • assistenza sociale e sociosanitaria;
  • assistenza sanitaria;
  • istruzione e formazione;
  • beneficenza.

L’associazione non svolgerà attività diverse da quelle suindicate ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse e/o accessorie in quanto integrative delle stesse, nei limiti consentiti dal D.Lgs. 4 dicembre 1997, n° 460…

…ART. 10

Soci

Possono far parte dell’associazione, in numero illimitato, tutti coloro che si riconoscono nello statuto e intendono prestare la propria collaborazione nell’organizzazione, mossi da spirito di solidarietà per le finalità ivi indicate.

A tutti i soci devono essere consegnate copie aggiornate dello statuto dell’associazione e degli eventuali regolamenti interni.

La richiesta di adesione, redatta in forma scritta su un apposito modulo predisposto dall’associazione, deve contenere la dichiarazione dell’aspirante socio di condividere le finalità dell’associazione, di accettare, senza alcuna riserva, lo statuto e gli eventuali regolamenti interni nonché, presa visione dell’informativa relativa alla privacy, di consentire il trattamento dei dati personali e deve essere presentata al Presidente del Consiglio Direttivo.

Il Consiglio Direttivo si riserva di accettare o meno tale richiesta, deliberando in merito con espressa motivazione.

L’iscrizione all’associazione decorre dalla data della deliberazione del Consiglio Direttivo, che deve esaminare le domande di adesione dei nuovi soci nel corso della prima riunione successiva alla data di presentazione delle suddette richieste, deliberando l’iscrizione dei nuovi soci nel registro degli aderenti all’associazione.

Se a richiedere l’ammissione all’associazione è un soggetto minore d’età la domanda d’iscrizione dovrà essere controfirmata dall’esercente la potestà parentale.

Avverso la decisione del Consiglio Direttivo sull’ammissione di nuovi soci è ammesso appello all’Assemblea generale dei soci entro 30 (trenta) giorni dalla comunicazione di cui al successivo comma.

L’accoglimento o il rigetto della domanda di adesione all’associazione da parte dell’aspirante socio deve essere comunicata per iscritto all’interessato entro n° 60 (sessanta) giorni lavorativi dalla delibera.

Nessun motivo legato a distinzioni di razza, sesso, religione, possesso di cittadinanza italiana o straniera può essere posto a base del rifiuto della richiesta di adesione all’associazione.

Il nuovo socio, nei n° 60 (sessanta) giorni successivi alla comunicazione dell’accoglimento della domanda, dovrà versare al Tesoriere dell’associazione la quota annuale di iscrizione. Il Tesoriere rilascerà al socio la relativa ricevuta dell’avvenuto pagamento unitamente alla tessera dell’associazione.

Coloro che hanno fatto richiesta di adesione all’associazione e la cui domanda è stata accolta dal Consiglio Direttivo sono denominati “soci aderenti all’associazione ordinari”; coloro che hanno sottoscritto l’atto costitutivo e il presente statuto dell’associazione sono denominati “soci fondatori”; coloro (persone fisiche, giuridiche e/o enti pubblici e privati: in questo ultimo caso l’adesione è di un solo rappresentante designato dall’ente) che effettuano versamenti cospicui in favore dell’associazione sono detti “benemeriti”.

Tutte le suddette categorie di soggetti rappresentano gli aderenti dell’associazione.