Archivio News

Uno sguardo all’ospedale israeliano che salva i siriani


Negli ultimi tre anni la morte è entrata nelle quotidianità dei civili siriani, che sono intrappolati in una brutale guerra civile. Lo scorso anno, l’IDF ha istituito, nei pressi del confine settentrionale del paese, un’ospedale da campo per curare i civili siriani feriti.

Indipendentemente dai rapporti tra Israele e Siria, i quali sono ancora ufficialmente in guerra, i soldati israeliani hanno continuato ad applicare un principio ebraico fondamentale: “Chi salva una vita, salva il mondo intero”.


Il 16 Febbraio 2013, sette civili feriti provenienti dalla Siria, si sono avvicinati ai confini israeliani, con urgente bisogno di aiuto. Il Colonnello Tarif Bader, un ufficiale Druso, è a capo di un ospedale da campo israeliano vicino al confine. Ha iniziato a servire l’IDF nel 1993 e dopo aver completato i suoi studi in medicina, è diventato un ufficiale medico di alto livello nel IDF Northern Command.

“Sono arrivati durante lo Shabbat e sono stati curati dalle stesse persone che curano i soldati israeliani sulle alture del Golan” ha spiegato il colonnello Bader “Il codice etico della IDF Medical Corps stabilisce chiaramente che i soldati devono aiutare chi è malato o ferito – che siano associati con il nemico o no.” L’incidente sul confine ha dato inizio ad una straordinaria missione dell’IDF per aiutare i civili siriani bisognosi di cure.


Le vittime della guerra civile in Siria

Recentemente il confine israelo-siriano è diventato un punto focale di tensione, a causa della ribellione siriana in corso contro il regime del presidente Bashar al-Assad. Le principali vittime di questo conflitto interno sono civili siriani. Secondo le Nazioni Unite, almeno 100.000 siriani sono stati uccisi nei combattimenti negli ultimi tre anni.

“Quando abbiamo capito che sarebbero arrivati molti pazienti, abbiamo deciso di creare un ospedale da campo, in modo da poter trattare le persone con lesioni gravi che necessitano di cure immediate”, ha detto il colonnello Bader, spiegando che molte delle vittime erano così gravemente feriti, che non sarebbero sopravvissute al viaggio fino all’ospedale civile.

In passato, colpi di mortaio dalla Siria hanno ferito soldati israeliani in Israele. Nonostante i pericoli del loro lavoro, i soldati rischiano la vita per curare le vittime siriane. In molti casi, i medici delle forze armate devono curare i pazienti siriani senza alcuna conoscenza della loro storia clinica o delle loro condizioni di salute. Nonostante l’assenza di cooperazione tra i servizi medici israeliani e siriani, alcuni pazienti arrivano con note scritte da medici siriani, i quali consigliano le cure migliori. Queste note, scritte in arabo o in inglese, sono diventate l’unica forma di comunicazione tra i medici dei due paesi.

Nel discutere il rapporto tra soldati israeliani e vittime siriane, il Col. Bader ha spiegato che la loro connessione si va rapidamente rafforzando. “Il popolo siriano si fida di noi ora” ha detto. “Durante il primo mese o giù di lì, erano un po’ restii a venire in Israele. Oggi non è più così.”

Una volta che i pazienti tornano in Siria, nessuna prova della loro permanenza in Israele mette in pericolo la loro vita. Al fine di mantenere al sicuro i civili, l’esercito israeliano prende misure scrupolose per rimuovere ogni traccia del fatto che essi hanno ricevuto cure in Israele.


Impegnati negli aiuti umanitari

I soldati che servono nell’ospedale sono profondamente impegnati in questo lavoro umanitario. Come espressione di ringraziamento verso l’ospedale, persone da tutto il mondo hanno inviato doni ai membri del team medico. I soldati hanno ricevuto di tutto: dai vestiti, alle carte regalo, alle radio da parte di persone dall’estero, che hanno anche inviato regali destinati ai pazienti siriani.

Un gran numero dei pazienti soffrono di gravi traumi psicologici, come risultato del conflitto. Dopo aver visto morte e distruzione intorno a loro, serbano ricordi difficili, che sono altrettanto dolorosi quanto le loro ferite fisiche. Per facilitare il superamento del trauma psicologico nei bambini, alcuni clown visitano l’ospedale su base regolare, dando ai piccoli pazienti la possibilità di sorridere e ridere.

“Io stesso sono un padre” ha detto il colonnello Bader “i bambini feriti sono quelli che mi colpiscono maggiormente. Ricordo una bambina, il cui femore era stato completamente distrutto. Se le nostre forze non fossero state lì per aiutarla, lei sarebbe morta o sarebbe rimasta disabile per il resto della sua vita. Sono onorato di fare questo lavoro, sia come medico che come cittadino di Israele. Alcuni pazienti che sono arrivati qui in stato di incoscienza sono rimasti scioccati di trovarsi in Israele al risveglio. Fortunatamente, gli altri pazienti siriani presenti nell’ospedale ci hanno aiutato a calmarli”.

Questa non è la prima volta che il colonnello Bader compie un grande sforzo umanitario come soldato israeliano. Ha fatto parte anche della delegazione IDF ad Haiti nel 2010. Ogni volta che parla pubblicamente, è chiaramente guidato dalle sue esperienze. “Provo esattamente lo stesso per le vite che salviamo sul nostro confine” ha concluso. “Poter compiere questa missione mi riempie di orgoglio.”

Magen David Adom Italia ONLUS

sede legale via Balicco 63 - 23900 Lecco (LC)

email info@amdaitalia.org
tel +39 392 006 9690
IBAN IT05X0325001600010000011165
codice fiscale 92067200136

  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn

© 2020 MDA Italia ONLUS

Photo credit: Amar Amit, Eliran Avita,

Assf Berzinger, Assi Dvilanski,

Yehezkel Etkin, Nathan Kudinsky,

Aba Richman, Ido Rosenblat, Eli Wissl

MDA Operational unit