Associazione Amici di Magen David Adom in Italia ONLUS
sede legale: via Balicco 63 - 23900 Lecco (LC)
email: info@amdaitalia.org
tel.: +393920069690
IBAN: IT05X0325001600010000011165
Codice fiscale: 92067200136

logo amda italia onlus

La coesistenza che salva vite umane

Domenica 30 Agosto si è tenuta, presso la stazione W.H. Bloomberg del Maghen David Adom, una speciale cerimonia conclusiva, per celebrare i partecipanti al corso MDA First Aid Responder (corso organizzato per giovani di madrelingua ebraica o araba), alla presenza del vice sindaco della città di Gerusalemme, dei leader della comunità amministrativa, dei dignitari di Gerusalemme Est, dei leader della regione di Gerusalemme e del personale e dei volontari MDA. Al termine di questo corso, il primo nel suo genere, organizzato presso la Scuola Bilingue di Gerusalemme, 15 nuovi giovani volontari, diplomati alla scuola bilingue, sono andati ad ingrossare le fila dei volontari MDA.

La creazione di questo nuovo corso è stato avviata dall’eccezionale tecnico di emergenza medica avanzata del MDA, nonché autista volontario di ambulanza, Ziad Jadla, residente a Sur Baher (quartiere di Gerusalemme Est), e responsabile del collegamento tra Maghen David Adom e leadership dei villaggi di Gerusalemme Est. Oltre due anni fa, Ziad ha iniziato a sostenere alcune attività del MDA per bambini e ragazzi, residenti nei quartieri di Gerusalemme Est. Come parte del progetto, Ziad ha istituito una giornata speciale, in molte scuole della città, per insegnare agli studenti l’importanza rivestita dal Maghen David Adom e l’enorme contributo dato dall’organizzazione, nel salvare vite in Israele. Oltre ai luoghi in cui Ziad ha portato il suo progetto, come i villaggi e i quartieri di Gerusalemme Est, il giovane volontario ha anche avviato il programma nella Scuola Bilingue di Gerusalemme.


Dopo la giornata di sensibilizzazione, dedicata all’importanza dell’assistenza medica di base e al ruolo del Maghen David Adom, il preside della scuola ha contattato Ziad e gli ha proposto di organizzare un corso di primo soccorso per gli studenti. Ziad ha accettato immediatamente questa sfida e, alcuni mesi fa, ha dato il via al primo corso di questo tipo, per studenti arabi ed ebrei. 15 adolescenti hanno, quindi, preso parte al corso, a questi si sono aggiunti 10 ragazze e 3 ragazzi della scuola e altri due giovani del villaggio di Sur Baher, che non sono studenti della scuola, ma hanno voluto comunque partecipare al corso. Il corso di primo soccorso è stato tenuto da Zia Maswadeh, residente di Shoafat e tecnico volontario di emergenza medica, istruttore e guidatore dei medy-cycle, presso il MDA di Gerusalemme. Zia, che lavora come educatore nelle scuole di Gerusalemme Est, ha tenuto il corso per giovani, organizzato dal MDA, per più di 60 ore.


Il direttore del distretto di Gerusalemme del MDA, Shlomo Petrover, durante la cerimonia ha detto: “Il volontariato non è qualcosa di tipico, nella società in generale, e tra i giovani in particolare, quindi sostengo e accolgo sempre con gioia i nuovi giovani volontari del MDA e vedo questa partecipazione come un passo avanti nel volontariato giovanile nel MDA, nei quartieri arabi di Gerusalemme “. Il vice sindaco di Gerusalemme, Meir Turgeman, anch’egli presente alla manifestazione, ha dichiarato che i presenti aiuteranno enormemente la città, salvando vite umane, ha ringraziato i partecipanti al corso e ringraziato per il grande contributo dato dal MDA, nel salvare vite umane. Il dottor Ramadan Dvash, presidente del consiglio comunale di Sur Baher, presente all’evento, ha parlato a nome di tutti gli abitanti di Gerusalemme Est: “Sono felice per la splendida cooperazione tra il Maghen David Adom e la scuola. Ho un enorme apprezzamento per il MDA e per tutte le sue attività e sono sicuro che continueremo a vedere i risultati di questo progetto di convivenza anche nel futuro.” Il Direttore Generale del Maghen David Adom, Eli Bin, ha detto: “Mi congratulo con tutti i partner del progetto che sostengono gli obbiettivi e la promozione della convivenza. Salvare vite umane è un valore che connette culture, popoli, lingue e religioni, e non ho dubbi che questo sia solo l’inizio di una lunga e importante collaborazione, per una causa così importante “.


L’evento è stato guidato dal preside della scuola, Saporta, il quale ha affermato che sarebbe felice di promuovere altri corsi simili e opportunità di collaborazione, anche in futuro.

0 visualizzazioni
  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
Home icona casa icon