Archivio News

Covid-19: un aggiornamento da Israele


Anche in Israele si comincia lavorare in funzione dei vaccini contro il Covid-19 e Magen David Adom si sta attrezzando massicciamente per la campagna che inizierà nelle prossime settimane.

Per un'organizzazione come MDA che ha fatto della capillarità su un territorio complesso il suo punto di forza, questo significa soprattutto mettere a punto sistemi di distribuzione mobili, capaci di arrivare ovunque per conservare e somministrare il farmaco in modo efficiente. I Medical Caravan di cui abbiamo parlato sono sicuramente la punta di diamante di questo progetto.

Nel frattempo la lotta per contenere la diffusione del virus continua e con cifre sempre impressionanti: nell'ultima settimana MDA ha effettuato tamponi su 158.736 persone portando il numero dei test svolti dall'inizio dell'epidemia a superare i 3 milioni, per la precisione 3.034.582 che corrisponde al 34% della popolazione della nazione.

Di questi 1.313.630 sono stati effettuati attraverso il sistema Drive and Test ormai diffuso in tutto il mondo, ma che MDA è stata tra i primi a sperimentare. Nel contempo ha raccolto 12.969 unità di plasma iperimmune da pazienti guariti da Covid-19, con cui sono stati trattati 1.720 casi. E in tutto questo lavoro i telefoni del centralino di MDA restano “caldi” con circa 10.000 chiamate al giorno, vale a dire il 170% in più di un giorno normale prima dell'epidemia.