Continuiamo a farvi conoscere la campagna vaccinale israeliana mostrandovi un altro suo punto di forza. Insieme alla capillarità nel portare a tutti i vaccini, a fare la differenza è anche la tecnologia che in pratica azzera la burocrazia. Il sistema informatico ideato per questa operazione consente infatti a tutti quelli che hanno diritto di vaccinarsi di accedere all'operazione in modo semplice e in qualsiasi momento, registrando i propri dati in pochi secondi.

La dimostrazione l'abbiamo in questo filmato che mostra una squadra di Magen David Adom impegnata in una struttura per la terza età.

Il tempo cronometrato per ciascun paziente è di 2'30” dall'ingresso in infermeria all'uscita, con certificato e sticker ben in vista che testimoniano l'avvenuta operazione. Come si vede ad essere veloce non è solo l'iniezione, ma anche la procedura che permette di vaccinare circa 300 persone in 4 ore.

L'operazione è una parte del programma di "Magen Avot V'Eimahot" (Proteggere i padri e le madri), che in circa 10 giorni ha vaccinato in modo completo l'intera popolazione anziana di Israele in alloggi e case di cura.



La campagna vaccini di Israele prosegue a una tale velocità che si fa fatica a rincorrere le cifre: la scorsa settimana si sono superate le due milioni di persone vaccinate ed è iniziata la fase due, vale a dire la somministrazione della dose di “richiamo”; dopo il personale sanitario, i più anziani e la popolazione a rischio, adesso è già il turno dei cinquantenni, ma soprattutto i primi dati cominciano ad indicare un calo del 30% dei contagiati. Il vaccino funziona!

Il successo è dovuto a tanti fattori, uno di questi è la politica di portare il vaccino il più possibile vicino alla gente, anziché il contrario, un’operazione in cui le forze di MDA sono fondamentali.

Una testimonianza importante ci arriva da Daliyat al-Carmel, città drusa situata sul Monte Carmelo in Israele, a circa 20 km a sud est di Haifa, dove Magen David Adom ha risposto a una richiesta del Ministero della Salute e del capo del consiglio locale inviando decine di medici e paramedici per vaccinare i 2.000 residenti in poche ore.

L'intervento a Daliyat al-Carmel, così come la vaccinazione della comunità Palestinese a Gerusalemme Est è un'ulteriore dimostrazione di come l’impegno di Magen David Adom sia sempre rivolto a tutta la popolazione senza distinzioni di etnia, religione o politica.




Come sapete Israele ha ottenuto risultati straordinari nella distribuzione dei vaccini con circa 2 milioni di persone già vaccinate e l'inizio della somministrazione della seconda dose.

Per spiegare la ragione di questo successo abbiamo coinvolto un amico da Tel Aviv: il Dott. Roberto della Rocca, medico veterinario, esperto di malattie trasmesse dagli animali all'uomo. Il video che ci ha inviato è stato in parte ripreso da Stasera Italia, di Rete 4, per il servizio "Vaccini, il modello Israele".

Ci teniamo a mostravi integralmente il suo contributo che descrive con chiarezza e competenza le ragioni del successo del “modello Israele” che ha acquistato e preso accordi con le case produttrici del vaccino per avere le dosi in anticipo, utilizza la tecnologia per azzerare la burocrazia e i tempi d'attesa, fa arrivare i vaccini alla gente e non il contrario e ha costruito un efficiente sistema sanitario di cui fa parte anche Magen David Adom.

Magen David Adom Italia ONLUS

sede legale via Balicco 63 - 23900 Lecco (LC)

email info@amdaitalia.org
tel +39 392 006 9690
IBAN IT05X0325001600010000011165

BIC/SWIFT EUBAITM1835
codice fiscale 92067200136

  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn

Photo credit: Amar Amit, Eliran Avita,

Assf Berzinger, Assi Dvilanski,

Yehezkel Etkin, Nathan Kudinsky,

Aba Richman, Ido Rosenblat, Eli Wissl

MDA Operational unit

© 2020 MDA Italia ONLUS