Associazione Amici di Magen David Adom in Italia ONLUS
sede legale: via Balicco 63 - 23900 Lecco (LC)
email: info@amdaitalia.org
tel.: +393920069690
IBAN: IT05X0325001600010000011165
Codice fiscale: 92067200136

logo amda italia onlus

MDA in campo per la visita di Papa Francesco in Israele

Durante la visita in Israele di Papa Francesco, Maghen David Adom ha supervisionato tutte le attività a tutela della salute del pontefice.

Alla fine della visita del Papa, il Direttore generale MDA, Eli Bin, in rappresentanza dell’organizzazione di soccorso israeliana, ed è stato onorato di poter stringere la mano del Papa e di poterlo accompagnare quando si è imbarcato sul suo aereo, all’aeoporto Ben Gurion. Da Domenica mattina (25 maggio) fino alla conclusione della visita del Papa, il giorno successivo (26 maggio), il livello di allerta in MDA è stato portato al livello 2, ovvero un livello in meno di quello più alto. L’allerta è scattata in tutte le regione MDA, in tutto il paese, come parte della preparazione operativa per la salvaguardia medica della visita di Papa Francesco in Israele, accompagnata da decine di persone rappresentanti alte cariche, e molti pellegrini. La preparazione e la distribuzione operativa del Maghen David Adom durante la visita del Papa in Israele è stata supervisionata dal centro nazionale di comando e il controllo MDA, che si trova nel centro del paese.

Per supervisionare la visita di Papa Francesco sono stati utilizzati veicoli di soccorso MDA – unità mobili di terapia intensiva, ambulanze, piccoli trattori, e moto utilizzate dai paramedici, medici e primi soccorritori. Le squadre sono state dislocate, durante i due giorni di vista del Papa, in tutti i luoghi da lui visitati nel paese, tra i quali: la dimora di Nuncius, lo Yad Vashem, la residenza del Presidente, la residenza del Primo Ministro , il Monte Herzl, la Chiesa della Natività, il Patriarcato latino, la Sinagoga Heichal Shlomo, il Monte del Tempio, il Muro Occidentale, la Chiesa di Notredame, la Chiesa del Getsemani, la Chiesa della Dormizione e anche siti che il Papa ha scelto di visitare, non inclusi nell’originale itinerario previsto, come il monumento alle vittime di attentati terroristici. Inoltre, ambulanze MDA, unità mobili di terapia intensiva e gruppi di medici in tutto il paese sono stati messi in allerta come riserva operativa.

Una unità mobile di terapia intensiva MDA mobile ha seguito il Papa durante tutta la sua visita. Ambulanze aggiuntive e unità mobili di terapia intensiva si sono occupate di salvaguardare l’entourage del Papa e i pellegrini, che hanno preso parte in massa, alla sua visita ai vari siti in tutto il paese.


Alla fine della visita del Papa, il Direttore generale MDA, Eli Bin, è stato onorato di poter stringere la mano del Papa e di poterlo accompagnare quando si è imbarcato sul suo aereo, all’aeroporto Ben Gurion. “La visita del Papa in Israele ha richiesto da parte del personale MDA, come organizzazione nazionale di soccorso di Israele, una piena disponibilità per ogni possibile situazione e pieno accompagnamento medico alla delegazione del Papa durante il suo soggiorno in Israele. Sono lieto che ci sia stata data l’opportunità di aiutare e di essere coinvolti nel successo della visita del Papa in Israele”, ha detto il direttore generale MDA.


Autore Sami Sisa

0 visualizzazioni
  • Instagram Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
Home icona casa icon