Archivio News

Vite da volontari#08_I paramedici di MDA in prima linea: Hadas Finkel



Tra i professionisti del soccorso che operano con Magen David Adom ci sono straordinari paramedici. Donne e uomini costantemente impegnati sulle ambulanze per le strade di Israele e che fin dall’inizio dell’epidemia sono in prima fila in ogni fase del soccorso e del trasporto dei pazienti. La nostra rubrica vita da volontari si arricchisce del racconto in prima persona della loro “giornata tipo”: esperienze che mettono alla prova la loro resistenza e la loro straordinaria preparazione, ma sempre vissute con la consapevolezza di aver fatto un lavoro indispensabile: aver contribuito a salvare vite umane.

La prima che vi presentiamo questa settimana è Hadas Finkel. Hadas lavora nella sede operativa di Petach Tikva vicino a Tel Aviv. E' un paramedico di medicina d'urgenza, ma è anche un’autista di ambulanze al MDA.

Ore 15:00 - Arrivo per il mio turno e verifico l'equipaggiamento dell'ambulanza: bombole di ossigeno, monitor e defibrillatore tutto è funzionante. Preparo il mezzo per essere operativo e verifico che non manchi nulla.

Dieci minuti dopo arriva già la prima chiamata. E' un incidente, ma non sembra una cosa grave: un guidatore di una bicicletta elettrica ha colpito la portiera di un'auto. Lo portiamo all'ospedale Beilinson. Per il momento tutto mi fa sperare che questo sarà un turno standard e potrò terminare alle 23:00.

Ore 16:30 - Facciamo una pausa caffè, ma per un pasto completo non c'è tempo.

Ore 17:00 – E' arrivata una chiamata da qualcuno che ha bisogno di aiuto per spostarsi dalla sedia a rotelle al letto. Sembra una missione da pochi minuti, ma le cose si complicano. A richiedere l'intervento è stata una donna di 48 anni, disabile, che vive da sola. Arriviamo in due squadre, la squadra di Hatzalah e noi, in tutto sei persone. Mentre la spostiamo ci chiede di aiutarla a cambiare la biancheria da letto e iniziamo a domandarle come riesce a vivere in questo modo. Chiacchieriamo, lei è felice di avere un po 'di compagnia, almeno per un breve periodo. Ci chiede di aiutarla a spogliarsi, cambiare un pannolino, sistemare la casa e pulire il lavandino. Non abbiamo altre urgenze quindi diamo volentieri una mano, ma quando finiamo sono passate 2 ore.

Ore 19:00 – Torniamo in stazione in tempo per un'altra chiamata. Un uomo di 80 anni è caduto a Petach Tikva. Ogni chiamata che vede coinvolte persone con tosse o mancanza di respiro fanno scattare il protocollo anti COVID-19. Quindi indossiamo dispositivi di protezione individuale (DPI) e partiamo. Arriviamo e scopriamo che è caduto inciampando sul tappeto. Non può alzarsi e soffre. Lo portiamo all'ospedale Hasharon e riusciamo finalmente a fare un pasto veloce.

Ore 20:00 – Da qui in poi si va a pieno regime e comincio a capire che il mio turno non finirà all'ora prevista. La prossima chiamata è una donna di 82 anni di Rosh Ha'ayin, affetta dal Coronavirus, ha il respiro corto. Ci andiamo insieme con un'unità mobile di terapia intensiva. Prima di salire da lei, indossiamo i DPI. Ci sono abituata, lo faccio da un anno. Ora li sopporto, ma d'estate, con il caldo, è stato un incubo.

La donna abita al quarto piano, senza ascensore. È attaccata a una bombola di ossigeno. Due delle sue ragazze ci dicono che è malata di COVID-19 già da una settimana. Non si sente bene già da questa mattina e il medico di famiglia le ha fornito la bombola. Misuriamo la sua saturazione e ci rendiamo subito conto che non è in condizione di restare a casa.

In generale trasportiamo sempre la persona che ha bisogno di cure all'ospedale più vicino che può occuparsi del suo problema. Di solito non ci sono mai difficoltà, ma l'epidemia ci sta mettendo tutti a dura prova e trovare un posto per un paziente può diventare difficile.

Ore 21:15 – Arriviamo al pronto soccorso e vedo una fila di ambulanze in attesa. Ci sono alcuni che aspettano dalle 19:30 per ricevere un letto per i pazienti COVID-19. Ci sono quattro ambulanze davanti a me, due delle quali lavorano con me nel turno serale a Petach Tikva. Quindi, se qualcuno ha bisogno di un'ambulanza ora dovrà aspettare più a lungo perché non ci sono mezzi disponibili.

Riceviamo il "nostro" letto alle ore 23:10. Durante questo periodo, se il paziente ha bisogno di usare il bagno o mangiare, non può farlo e questo può protrarsi per ore. Ti ritrovi a comprargli del cibo, a dargli da mangiare, a procurargli una coperta. Portiamo una padella di emergenza e lui la usa in ambulanza. Ci sono così tanti pazienti, spazio insufficiente, personale insufficiente.

A volte, quando siamo programmati per il turno mattutino del giorno successivo, se non dormiamo a sufficienza, non possiamo entrare per il turno. È come una piramide che sta crollando e mi sembra che stia crollando da molto tempo, non solo da ieri.

Ore 1:10 - A mezzanotte ho realizzato che è il mio compleanno, di solito non sono mai in Israele per l’occasione. Ma ieri ho festeggiato in ambulanza, indossando i DPI. Tornando a casa, molto dopo quella che doveva essere la fine del mio turno, e mi sono resa conto che tutto questo non finirà tanto presto.