Cari Amici,

quando Israele è in guerra, attaccato da forze nemiche o dal terrorismo, gli amici del Magen David Adom non si tirano indietro, sentendosi in dovere di contribuire a difendere la popolazione, curarne i feriti, essere vicino alle famiglie delle vittime. Ma la seconda ondata di COVID-19 che sta attraversando il Paese in queste settimane è persino peggio di una guerra. Le 480 vittime che si registrano fino ad oggi sono equiparabili, per numero, a quelle degli ultimi conflitti che hanno coinvolto Israele e lo stanno diventando anche per età, visto che il virus sta colpendo sempre più giovani.


Anche l'impegno che Israele sta mettendo per vincere il conflitto è lo stesso: Magen David Adom schiera un numero impressionante di uomini e mezzi. Si creano ogni giorno strumenti nuovi e strategie per sorprendere “il nemico” come su un campo di battaglia, ma vorremmo chiedere agli amici di MDA lo stesso impegno che abbiamo visto manifestarsi di fronte al pericolo di una guerra. Eppure pensate che ad oggi le donazioni di ambulanze per MDA sono state la metà rispetto agli scorsi anni.


È comprensibile che al momento l'impegno sia stato ridotto: siamo stati tutti “sotto attacco”. Anche qui in Italia abbiamo subito le nostre perdite in termini di affetti e di privazioni. In quei giorni da Israele ci è arrivato incoraggiamento e know how contro il virus, ora è il momento di fare qualcosa di concreto per ricambiare. Le armi con cui si combatte questa guerra le conosciamo, ma ce n’è una in particolare che ben sappiamo essere fondamentale: il ventilatore polmonare. Il costo di un Medumat Cpr Ventilator in dotazione ai nostri soccorritori che permette di ventilare il paziente in crisi respiratoria è di 2.000 Euro. Un prezzo molto basso per un'arma efficace, non trovate? Soprattutto se pensate che questa guerra la vinceremo salvando ogni vita umana possibile.

Aiutiamo la popolazione d’Israele nella lotta al COVID 19, sosteniamo il Magen David Adom!


Sami Sisa

Presidente Magen David Adom Italia Onlus


Clicca qui per tutte le informazioni.

Fai una donazione attraverso il sito,o utilizzando direttamente il nostro IBAN IT05X0325001600010000011165



Se un sistema funziona bene anche in caso di una grande emergenza come una pandemia forse è il caso di adottarlo per TUTTE le emergenze. Devono averlo pensato anche i vertici dell'Israel National Firefighting and Rescue Authority, il servizio di Vigili del Fuoco di Israele che ha deciso si adottare il sistema utilizzato da Magen David Adom per gestire le richieste di soccorso. Si tratta di una tecnologia estremamente raffinata che MDA ha cominciato a sviluppare dal 2006 per far fronte alle richieste di soccorso multiplo originate dalla seconda intifada. Oggi il sistema instrada le telefonate, traccia e indirizza i veicoli durante le emergenze attraverso il GPS, si interfaccia con il tablet dei paramedici. Sul luogo dell'incidente consente tra l'altro la geolocalizzazione istantanea della posizione di chi chiede aiuto, la possibilità di avere un feed live della scena di emergenza attraverso gli smartphone, app che trasmettono l'anamnesi dei feriti insieme alla richiesta di soccorso, messaggi che facilitano il lavoro dei soccorritori, persino notifiche automatiche inviate dalle auto coinvolte in incidenti. Tutte le tecnologie sono sviluppate internamente, integrate e sincronizzate per essere utilizzate insieme durante l'intervento. Funzioni che, opportunamente adattate, risultano estremamente utili anche in caso di incendio.

"Avendo lavorato a stretto contatto con Magen David Adom per anni, conosciamo da tempo e abbiamo ammirato a lungo il loro sistema di risposta alle chiamate", ha dichiarato il tenente generale Dedi Simchi, commissario della Israel Fire and Rescue "Non vediamo l'ora di avere un sistema altrettanto personalizzabile e integrato a disposizione dell'Autorità antincendio israeliana".



Daniel Yaso lavora da tre anni per MDA, durante i quali si è occupato di un'ampia varietà di casi e migliaia di emergenze. Gli mancava ancora però l’esperienza di far nascere un bambino: un'eventualità a cui si è preparato seguendo corsi specifici che comprendono anche esercitazioni su manichini intelligenti, molto realistici. Quando, un giorno che sembrava come tutti gli altri, comincia normalmente il suo giro non sa che quell'esperienza gli tornerà utile: non una, ma due volte.

Sono circa le 8.00 del mattino e Yaso si sta occupando di un trasferimento in ambulanza verso l'ospedale di Netanya di una donna incinta, quando si trova a gestire un’emergenza: il travaglio è già cominciato e non si può più aspettare di arrivare in sala parto. Yaso interviene prontamente e alle 8.27 il suo contributo è fondamentale per mettere al mondo un maschietto. A mezzogiorno replica: un’altra donna incinta sulla lettiga e un altro bebè in arrivo con molta fretta. Yaso accosta l'ambulanza e fa buon uso del suo lungo addestramento per far nascere una femminuccia. “Alla mia prima nascita ero un po 'nervoso – confiderà dopo - Alla seconda nascita ero più esperto e rilassato. Ora sono già in attesa del terzo!”.


Magen David Adom Italia ONLUS

sede legale via Balicco 63 - 23900 Lecco (LC)

email info@amdaitalia.org
tel +39 392 006 9690
IBAN IT05X0325001600010000011165
codice fiscale 92067200136

  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn

© 2020 MDA Italia ONLUS

Photo credit: Amar Amit, Eliran Avita,

Assf Berzinger, Assi Dvilanski,

Yehezkel Etkin, Nathan Kudinsky,

Aba Richman, Ido Rosenblat, Eli Wissl

MDA Operational unit